Certificazione impianti - Assistenza tecnica caldaie Nicotec di Nicola La Morgia

NICOTEC
Assistenza tecnica caldaie, climatizzatori, stufe a pellet, solare termico comune di Lanciano provincia di Chieti (CH)

DAL 1990 AL VOSTRO SERVIZIOSITO AGGIORNATO AL 26/07/2019 AZIENDA CERTIFICATA FGAS

Vai ai contenuti

Certificazione impianti

Servizi
CERTIFICAZIONE IMPIANTI 2018-2019
PROVINCIA E COMUNE DI CHIETI

Una caldaia difettosa e non verificata da tecnici esperti, comporta maggiori consumi di energia, inquina di più e soprattutto rappresenta un serio pericolo per la propria vita.

Gli impianti vanno controllati in conformità alle norme UNI, e alle istruzioni fornite dal costruttore degli apparecchi, almeno una volta all'anno. (
Legge Regione Abruzzo n°17 del 25 Giugno 2007)
La CERTIFICAZIONE, con verifica del rendimento di combustione e compilazione del rapporto di efficienza energetica, si effettua con le seguenti modalità:
  • per impianti con potenza al focolare > 35kW, una volta all'anno con pagamento del relativo importo tramite bollettino postale, da consegnare al manutentore al momento della manutenzione.
  • per impianti con potenza al focolare < 35kW, una volta ogni due anni con pagamento direttamente al manutentore.

DOMANDE PIU' FREQUENTI
  • Che cos'è la certificazione?
Un impianto è certificato quando viene trasmesso all'Autorità competente, secondo le modalità dalla stessa stabilite, il rapporto di controllo di efficienza energetica unitamente al versamento della corrispondente tariffa stabilita dall'Autorità competente.
  • Che cos'è la manutenzione ordinaria?
La manutenzione ordinaria comprende tutte le operazioni atte a mantenere l'impianto sicuro e in perfetta efficienza. Queste operazioni vengono stabilita dall'installatore dell'impianto o, in mancanza, dal costruttore degli apparecchi.
La Legge Regione Abruzzo n°17 del 25 Giugno 2007 obbliga alla manutenzione degli impianti di riscaldamento in conformità alle norme UNI e CEI almeno una volta all'anno.
  • La certificazione è obbligatoria?
La Certificazione è obbligatoria e si effettua all'installazione e poi ogni due anni per gli impianti con potenza termica inferiore a 35 kW ed ogni anno per tutti gli altri impianti.

  • Quanto costa certificarsi?

Le tariffe sono le seguenti:

Per impianti di potenza inferiore a 35kW
Tariffa certificazione biennale: € 15.00
Tariffa ispezione impianto certificato: € 0.00
Tariffa ispezione impianto NON certificato: €120,00

Per impianti di potenza compresa tra 35kW e 116kW
Tariffa certificazione annuale: € 40.00
Tariffa ispezione impianto certificato: € 0.00
Tariffa ispezione impianto NON certificato: € 250.00

Per impianti di potenza maggiore o uguale a 116kW
Tariffa certificazione annuale: € 80.00
Tariffa ispezione impianto certificato: € 0.00
Tariffa ispezione impianto NON certificato: € 300.00

N.B!!
A queste cifre vanno aggiunti gli importi per la manutenzione ordinaria e/o straordinaria.

  • Qual'è la procedura per certificarsi?

Per impianti con potenza inferiore a 35kW:
L'utente contatta un manutentore abilitato, il quale dopo aver effettuato le operazioni di manutenzione, applica un bollino sul rapporto di controllo, ne rilascia una copia all'utente e trasmette l'altra all'ente verificatore. L'importo per la certificazione va pagato direttamente al manutentore.

Per impianti con potenza superiore o uguale a 35kW:
L'utente effettua il versamento dell'importo di certificazione e contatta un manutentore abilitato, il quale dopo aver effettuato le operazioni di manutenzione, prende nota degli estremi del versamento sul rapporto di controllo, ne rilascia una copia all'utente e trasmette l'altra all'ente verificatore. Il versamento può essere effettuato anche dal manutentore il quale lo riporta nel documento fiscale insieme all'importo della manutenzione.

  • Che cos'è la manutenzione ordinaria?
Sono le operazioni previste nei libretti di uso e manutenzione degli apparecchi e componenti che possono essere effettuate in luogo con strumenti ed attrezzature di corredo agli apparecchi e componenti stessi e che comportino l'impiego di attrezzature e di materiali di consumo d'uso corrente. Al termine delle operazioni di manutenzione dell'impianto, il tecnico deve rilasciare un rapporto di controllo di efficienza energetica, conforme all'Allegato F per impianti di potenza uguale o superiore a 35 kW o all'Allegato G per impianti di potenza inferiore a 35 kW.

  • Che cos'è la manutenzione straordinaria?
Sono gli interventi atti a ricondurre il funzionamento dell'impianto a quello previsto dal progetto e/o dalla normativa vigente mediante il ricorso, in tutto o in parte, a mezzi, attrezzature, strumentazioni, riparazioni, ricambi di parti, ripristini, revisione o sostituzione di apparecchi o componenti dell'impianto termico.

  • Cosa s'intende per controllo dell'impianto?
Sono le operazioni svolte da tecnici facenti parte di imprese abilitate finalizzate alla verifica del grado di funzionalità ed efficienza di un apparecchio o di un impianto sia ai fini dell'attuazione di procedimenti di manutenzione, riparazione, ecc, che per sincerarsi dei risultati conseguiti con le operazioni in questione.

  • Cosa s'intende per accertamento dell'impianto?
E' l'insieme delle attività di controllo pubblico svolte dalle autorità competenti diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che gli impianti siano conformi alle norme vigenti e che rispettino le prescrizioni e gli obblighi stabiliti.

  • Cosa s'intende per ispezione dell'impianto?
Sono gli interventi di controllo tecnico e documentale in sito, svolti dalle Autorità competenti, mirati a verificare che gli impianti siano eserciti e manutenuti nel rispetto delle norme vigenti..

Per maggiori informazioni e /o per essere ricontattato, compilare il seguente modulo.











Desidero essere ricontattato per la certificazione



assistenza tecnica
caldaie, climatizzatori
biomassa, stufe a pellet,
solare termico
vendita ricambi
corsi di formazione
INFORMAZIONI DITTA NICOTEC
Copyright 2018
Nicotec
di Nicola La Morgia
P.iva 01539790699
tel. 0872-709120
email: info@nicotec.it
NICOTEC
di Nicola La Morgia
Torna ai contenuti